Memoria e cervello

Il cervello e gli acidi grassi

Il cervello, l'organo forse più complesso e delicato dell'essere umano deve essere nutrito adeguatamente per un buon funzionameto. Fin dai tempi remoti il pesce è stato riconosciuto come "cibo per il cervello".

Studi recenti hammo confermato che il consumo di pesce è molto efficace nel potenziare le attività cerebrali, fin dai primi anni di vita, favorendo lo sviluppo del cervello e della retina. Questi effetti positivi sembra derivino dalla presenza nel pesce degli acidi essenziali Omega-3, che intervenendo favorevolmente nella circolazione sanguinea favoriscono i collegamenti fra i neuroni.
Può sembrare strano dire che, ciò che mangiamo può avere un potente effetto di quello che avviene nella nostra mente, ma recenti ricerche ritengono che molti disturbi emozionali e mentali (oggi sempre più frequenti) possano probabilmente essere la conseguenza di una dieta carente di acidi grassi Omega-3.
L'acido decosaenoico (DHA) presente in alte concentrazione nella materia grigia del cervello, provvede alle funzioni delle membrane delle cellule cerebrali, consentendo la trasmissione dei segnali al cervello. Gli acidi grassi Omega-3 presenti nel pesce, in particolare il DHA, rendendo le membrane cellulari più fluide, migliorano la comunicazione fra le cellule cerebrali, procurandoci una buona memoria e una prontezza di riflessi. Poichè la nostra dieta è molto spesso carente di acidi grassi Omega-3 (scarso uso di pesce, stress, fretta, dieta squilibrata) questi importanti acidi grassi, se non si ricorre ad un aumento dell'uso di pesce, devono essere assunti come integratori.
Il salmone che contiene alti livelli di acidi grassi omega-3, DHA e EPA, è senz'altro il pesce che, meglio di altri, contribuisce a mantenere in nostro cervello ben nutrito, attivo per una perfetta funzionalità, ed un sano equilibrio mentale.